In questo sito potrebbero essere utilizzati cookie di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di questi cookie. CHIUDI - LEGGI DI PIÙ
SEGUICI SU Panathlon FaceBook Panathlon YouTube Panathlon Twitter   LINGUA Versione italiana English version Version française
   
CERCA:
 


 - A T T I V I T A'
Sommario Notizie
 - DELEGHE
Delegati: apri...
 - SETTORI d'AZIONE
Organizzazione
 - AZIONI
Fair Play-Etica-Disabili-Scuola, ...
 - DOCUMENTI (E)
Etica
 - DOCUMENTI (FP)
Fair Play
 - IMMAGINI - GIOCHI
Accedi
 - PREMI/EVENTI/CONCORSI/CONVEGNI
Cliccare
 - P. JUNIOR
PJ: Apri...
 - TESI
-> Tesi di Laurea
-> Bandi concorso
 - ARTICOLI e SAGGI
Per argomenti
Per autore
Varie
 

- TESI -



16/02/2012 - Lo sport come strumento per capire la disabilità: educare alla valorizzazione delle differenze attraverso lo sport (Navarro Marco 2012)

Università degli Studi di Padova, Facoltà di Medicina e Chirurgia

Corso Di Laurea In Scienze Motorie

TESI DI LAUREA

Lo sport come strumento per capire la disabilità: educare alla valorizzazione delle differenze attraverso lo sport

RELATORE: Ch.ma Prof.ssa Valeria Marin

CORRELATORE: Dott.ssa Chiara Bertoncello

LAUREANDO: Navarro Marco

Anno Accademico 2011/2012

***********************

Marco Navarro, uno dei collaboratori di “Uno a Cento” – l’associazione che opera ormai da parecchi anni con l'iniziativa del Panathlon di Padova nelle scuole -  ha preparato la sua tesi articolandola  sul progetto "1 Ora x i disabili". Marco è allenatore di pallavolo, ha seguito il Corso di Psicologia con esperienze di educatore in scuole medie a Milano e a Selva di Val Gardena. Oltre all’attività di allenatore, segue progetti educativi e di educazione fisica rivolti sia ai giovani che agli anziani nel territorio padovano.

La tesi si basa sui risultati di un questionario anonimo, sottoposto agli allievi di diverse scuole di Padova e provincia (un "campione" di circa 500 alunni) sia in tempi precedenti che successivi all'esperienza teorica e pratica con "1 Ora x i disabili" svolta all'interno degli istituti scolastici.

Per la preparazione della tesi è stato seguito dalla professoressa Valeria Marin, docente del corso di laurea di Scienze Motorie e Direttore della Scuola di Specializzazione di Igiene e Medicina Preventiva dell’Università di Padova.

Naturalmente il Panathlon di Padova, in particolare Mario Torrisi e la commissione che segue le attività a sostegno della disabilità sportiva, ha collaborato con la massima disponibilità con dirigenti e docenti delle scuole prescelte, per favorire l’incontro del laureando con gli allievi per la raccolta delle risposte ai quesiti proposti. Interessante segnalare che per l’individuazione degli istituti nei quali svolgere la ricerca si è utilizzato il criterio di scegliere il "campione" non solo tra quelli nei quali l’esperienza di “1 Ora x i Disabili” si svolge da anni - ovviamente coinvolgendo classi nuove - ma soprattutto negli istituti coinvolti per la prima volta nel progetto del Panathlon di Padova.  Ciò ha permesso di  valutare proficuamente quanto il lavoro del Panathlon sia stato determinante per la conoscenza e l'affinamento della sensibilità da parte dei giovani a riguardo di una importante questione sociale qual è la disabilità.

 

INDICE

CAPITOLO I : INTRODUZIONE pag. 1

1.1 Quante sono le persone disabili in Italia? pag. 2

1.2 Panathlon International “Ludis Iungit” pag. 12

1.2.1 Organizzazione del Panathlon pag. 13

1.2.2 Cenni storici pag. 14

1.3 A.S.D. UNOACENTO pag. 15

1.4 1 Ora x i Disabili pag. 17

1.4.1 Altri progetti 1 Ora x i Disabili nel territorio pag. 21

1.4.2 Sport per tutti secondo ciascuno pag. 22

CAPITOLO II : SCOPO DELLA TESI pag. 25

CAPITOLO III : MATERIALI E METODI pag. 26

3.1 Popolazione di riferimento pag. 26

3.2 Analisi del questionario pag. 27

3.3 Analisi generale dei dati pag. 28

CAPITOLO IV : RISULTATI E DISCUSSIONE pag. 29

4.1 Descrizione del campione pag. 29

4.2 Analisi delle domande per area tematica pag. 31

4.2.1 Io e la disabilità. pag. 31

4.2.2 Barriere architettoniche pag. 42

4.2.3 Penso che.. pag. 45

4.2.4 Come vive un disabile pag. 49

4.2.5 Sport e disabilità pag. 53

4.2.6 La mia esperienza pag. 63

CAPITOLO V : CONCLUSIONI pag. 70

5.1 Sguardo al futuro pag. 71

BIBLIOGRAFIA pag. 74

ALLEGATI

RINGRAZIAMENTI

************************

per leggere la Tesi, clicca qui

************************

Articolo pubblicato mercoledì 15 Febbraio 2012 da  "Il Gazzettino di Padova"e ripreso dal sito del club

"Un’ora per disabili" diventa tesi di laurea - PANATHLON Una giornata speciale nata dodici anni fa per capire e condividere" (m.zi.) Anche una tesi di laurea ha raccontato l'esperienza di "Un'ora per disabili", l'iniziativa del Panathlon International di Padova che coinvolge le scuole medie. La tesi è stata scritta da Marco Navarro per il corso di laurea di Scienze Motorie, e racconta le reazioni dei ragazzi a questa iniziativa. «Attorno a questo appuntamento c'è sempre una sana curiosità, ma ovviamente c'è chi è attento e chi disturba - spiega Antonio Baldan, presidente di "Uno a Cento", l'associazione che gestisce e organizza gli appuntamenti - Ma anche in loro alla fine abbiamo sempre riscontrato un effetto tangibile dell'esperienza con testimonianze molto personali». La giornata si svolge in maniera simile da 12 anni, da quando Fabio Presca, Renato Zambotti e Giuseppe Faggin hanno fatto partire il progetto. Un'introduzione filmata apre un momento di confronto, con domande e riflessioni sulla disabilità rivolte a un volontario del Panathlon. Poi si va in palestra con gli operatori di "Uno a Cento". Carrozzine da gioco per il basket, carrozzine da "passeggio", mascherine che coprono gli occhi simulano nei ragazzi normodotati l'esperienza del disabile motorio o sensoriale, nello sport o nella vita di tutti i giorni. «Ogni anno con questo progetto coinvolgiamo circa sei mila ragazzi, perchè da Padova abbiamo allargato il progetto anche a Treviso, Vicenza e Venezia - continua Baldan - Nato per aumentare la sensibilità per la disabilità, l'iniziativa è diventata anche un importante veicolo per integrare i ragazzi con i disabili presenti nelle classi. Un rinforzo della presa di coscienza del diverso. Provando direttamente queste esperienza i ragazzi nel risultano molto colpiti».

 

 





16/02/2012

 


 
Forum Internazionale "La Carta dei Doveri del Genitore nello sport" Reggio Emilia 8 aprile 2017
 
XII Congresso Panamericano - Recife 26-28 ottobre 2017
 
 

View Panathlon stats
   
Indirizzo email:
Password:

Codice Fiscale: 80045290105 - Partita IVA: 02009860996
Disclaimer - Copyright Panathlon International 2013 - All Rights Reserved - Powered by SEF